martedì , 2 Giugno 2020
Home / La voce delle associazioni / AIART / Dalla mondovisione all’endovisione

Dalla mondovisione all’endovisione

1967, 25 giugno: si accende il satellite nei cinque continenti (26 paesi circa) con Our World, prima produzione televisiva in diretta. I Beatles, Maria Callas, Pablo Picasso, solo per citarne alcuni, entrarono così nelle case di circa settecento milioni di telespettatori con le loro produzioni e i loro racconti per circa due ore e mezza di trasmissione. Il progetto, pensato dalla BBC in collaborazione con l’European Broadcasting Union, è stato realizzato in dieci mesi di lavoro e ha visto il coinvolgimento di circa diecimila tra tecnici, produttori e interpreti.
Da quel momento in poi, la televisione «introdusse» con più forza «a ogni istante nello chez moi l’altrove e il mondiale» (Derrida): ciascun telespettatore si trovò proiettato insieme agli altri in un medesimo luogo che differisce da quello abitato permettendo ai soggetti di raggiungere in tempo reale uno spazio di suoni e immagini di cui, seppur distanti, si diviene testimoni diretti.
Nel 50° anniversario di questo primo esperimento in mondovisione, il presente volume prova, dunque, a chiedersi com’è cambiato il modo di fare televisione a partire da quell’evento e come sono mutate le esperienze della visione: da una dimensione mondiale e generalista a un’endovisione, ossia a un approccio interiore e personalizzato attraverso la molteplicità dei dispositivi e delle piattaforme.
Fruizione, spettatorialità, sport, famiglia, culture giovanili, Chiesa ed emergenze sono i temi di riflessione di questo libro che intende anche riflettere la missione contemporanea dell’Aiart e il suo contributo alla creazione di una vera e propria cittadinanza mediale.
Per saperne di più: http://www.edizioniets.com/scheda.asp?n=9788846747440&from=&fk_s=