lunedì , 20 gennaio 2020
Home / Articoli / A servizio dell’uomo

A servizio dell’uomo


Solo uno sviluppo buono ed un’economia che risponda anche a criteri etici sono in grado di sostenere la qualità della vita in tutti i suoi aspetti, compreso quello ambientale e quello propriamente spirituale della persona umana. Economia e tecnologia, infatti, devono tenere sempre presente il servizio all’uomo e alla sua piena promozione individuale, familiare e sociale. Le attuali difficoltà economiche fanno prevedere scenari difficili, che vanno attentamente considerati e prevenuti con un’accorta strategia, che veda le forze imprenditoriali, politiche e sociali agire insieme per gestire questa fase con attenzione e spirito di solidarietà verso le fasce più deboli del mondo del lavoro. Penso al problema di tante famiglie monoreddito, minacciate dalla perdita del lavoro o di un lavoro sicuro su cui contare; penso a tanti immigrati che hanno usufruito finora di una sistemazione proprio in forza del lavoro; penso al crescente fenomeno dell’usura, indice di un abbassamento di risorse necessarie alla famiglia o all’attività di tante piccole o medie imprese.
La famiglia in particolare è stata in queste terre il volano più fecondo per dare slancio e vigore allo stesso sviluppo economico. Oggi mi preoccupano molto le crescenti difficoltà che devono affrontare tanti nuclei familiari, sia in ordine alla loro sopravvivenza, sia per l’educazione dei figli, sia per la sicurezza dello stesso posto di lavoro, sia per la qualità dell’ambiente in cui vivono – e si potrebbe continuare. La famiglia va dunque sostenuta fin dal suo inizio, dal suo farsi, favorendo scelte anche economiche che aiutino le giovani coppie nei primi importanti passi della loro unione, nell’apertura alla vita (la diminuzione delle nascite crea e creerà sempre più squilibri e costi sociali, anche per il mondo del lavoro), nel riconosciuto ruolo e compito della donna nella famiglia come nel lavoro.
Mons. Cesare Nosiglia
Omelia in occasione della Santa Messa di Natale 2019 dell’UCID